Materasso la postura corretta

Dormire di fianco,  di pancia o di schiena? Qual’è la postura corretta?

Se puoi, tendi a prediligere le posizioni su un fianco o a pancia in su piuttosto che a pancia in giù, infatti quest’ultima non è benefica per la schiena o/e soprattutto, per chi soffre di cervicale.

Dormire su un fianco con un cuscino tra le gambe è la posizione migliore per dormire, abituati a dormire in questa posizione e scoprirai molti benefici.

Un Materasso personalizzato

Il problema del mal di schiena nasce da più fattori, tra cui spesso movimenti, abitudini o posture errate, il materasso in alcuni casi non ha nulla a che vedere con mal di schiena o cervicali nonostante ciò un buon materasso scelto sulla base delle nostre abitudini o diversità fisiche potrebbe garantirci un risveglio più sereno.

Ogni persona  ha un peso un forma fisica e delle dimensioni differenti, e ogni materasso dovrebbe adattarsi alle nostre caratteristiche e farci dormire in posizione corretta, il più possibile diritti, similmente a quando siamo in piedi.

Nel nostro negozio puoi trovare tre linee di materassi, diversi, ognuno studiato per diverse esigenze di riposo

  • materassi a molle
  • materassi in lattice
  • materassi in-foarm.

Vieni a sdraiarti sui  nostri materassi nel nostro show-room e potrai percepire loro diversa adattabilità e affinità alle esigenze della tua corporatura, qualunque esse siano.

 

Materasso giusto o postura sbagliata?

La postura corretta durante il sonno, deve essere quanto più simile alla postura di quando si è in piedi, troppo rannicchiata o troppo inarcata ti renderanno il risveglio non poco piacevole, infatti quando si dorme male o poco,  significa che qualcosa non va nella nostra schiena e che quella postura o quel particolare materasso non ci mettono in condizioni ottimali per riposare. Non aiutano il nostro organismo a “riposare” bene.

materasso postura corretta
materasso postura corretta

Secondo uno studio spagnolo, sono molti i problemi causati da posture inadatte durante il sonno. Oltre al mal di schiena, possono comparire disturbi alle articolazioni, alla cervicale, il tunnel carpale, deviazioni della colonna vertebrale, in particolare i muscoli lombari.

Per non commettere errori durante il sonno, dice Josè Santos, portavoce del gruppo di fisioterapisti che hanno condotto lo studio, è bene cominciare dalla scelta del materasso e del cuscino.

Contrariamente a quanto sostenuto da molti ortopedici, non è vero che un materasso duro fa bene alla schiena; anzi, può invece favorire la comparsa di dolori e accentuare le curvature sbagliate della colonna vertebrale! Il materasso deve essere di durezza media, meglio se composto da un materiale che si adatta al corpo e ne memorizza le curvature, accompagnandolo.

Anche sul cuscino sono state dette cose non sempre corrette. Non è vero, secondo questo studio, che chi soffre di mal di schiena o di cervicale abbia benefici nel dormire senza cuscino. Anzi, la naturale curvatura della cervicale deve essere sostenuta da un cuscino su misura.

 

Uso e manutenzione

  1. Il materasso deve appoggiare su una rete o altro supporto rigido. Appoggi inadeguati possono compromettere gravemente la sua struttura.
  2. Il materasso deve appoggiare su una superficie (rete o supporti in doghe), che possa garantire una corretta areazione. Una superficie di appoggio non areata può favorire la formazione di muffe.
  3. Il materasso non deve subire sollecitazioni anomale e non deve essere piegato o arrotolato. Queste azioni possono danneggiare in modo irreparabile la sua struttura e in particolare il molleggio.
  4. Si consiglia di interporre un coprirete tra la rete e il materasso e di proteggere il materasso con l’apposita federa coprimaterasso. Quest’ultima è particolarmente indicata per i materassi con il tessuto di rivestimento fisso, che non può essere rimosso e lavato.
  5. L‘eventuale formazione di lievi avvallamenti nel materasso nelle zone di maggior pressione è da considerarsi normale a causa dell’adattamento del materasso alla conformazione del corpo. È consigliabile quindi invertire il senso del materasso (testa/piedi) per favorire il naturale assestamento degli elementi che lo compongono.
  6. Capovolgere il materasso con frequenza stagiona, da “lato estivo” a “lato invernale”, seguendo le indicazioni riportate sull’etichetta.
  7. Per capovolgere il materasso o per spostarlo, non utilizzate le maniglie poste sulla fascia laterale. (Eventuali scuciture o rotture delle stesse non sono coperte da garanzia).
  8. Evitare di sedersi abitualmente sul bordo del materasso per non favorire la deformazione delle strutture interne.
  9. I materassi matrimoniali devono essere sistemati su un’unica rete e non su due reti singole affiancate.