mattress, bed, pillow-2489615.jpg

Come scegliere il materasso per dormire bene

Un buon materasso è fondamentale per dormire bene e migliorare la qualità del sonno. Scegliere il materasso giusto può fare una grande differenza nel garantire un riposo ristoratore e rigenerante.

Dormire bene è essenziale per la salute fisica e mentale. Un cattivo sonno può portare a stanchezza, irritabilità, scarso rendimento sul lavoro e problemi di concentrazione e memoria. Al contrario, dormire bene aiuta a sentirsi riposati, migliora l’umore e la produttività.

Il materasso ha un ruolo chiave nel determinare la qualità del sonno. Deve offrire il giusto sostegno alla colonna vertebrale e alle articolazioni, ridurre i punti di pressione e permettere al corpo di rilassarsi completamente. Scegliere il materasso sbagliato può causare dolore alla schiena, rigidità, sensazione di intorpidimento e sonno disturbato.

Per questo è importante dedicare tempo e attenzione alla scelta del materasso, considerando attentamente dimensioni, materiali, rigidità e altri fattori in base alle proprie caratteristiche fisiche ed esigenze personali. Questa guida illustra tutti gli aspetti da tenere in considerazione per scegliere il materasso perfetto per te e garantirti un riposo ottimale.

Dimensioni del materasso

Quando si sceglie un nuovo materasso, una delle prime cose da considerare sono le dimensioni. È importante scegliere le dimensioni giuste in base alle dimensioni del letto e alle proprie preferenze di spazio e comfort.

In generale, ecco alcune linee guida sulle dimensioni standard dei materassi per i diversi letti:

  • Letto singolo – La misura standard per un letto singolo è 80×190 cm. I materassi da singolo vanno dai 75×190 cm fino agli 85×190 cm.
  • Letto una piazza e mezza – Per un letto una piazza e mezza, la misura standard è 120×190 cm. La gamma di dimensioni consigliate è tra i 115×190 cm e i 130×190 cm.
  • Letto matrimoniale – Per un classico letto matrimoniale, la misura standard è 160×190 cm. La gamma ottimale va da i 150×190 cm ai 165×190 cm.
  • Letto matrimoniale king/queen size – Per letti particolarmente ampi, le dimensioni standard sono 180×190 cm o 200×190 cm. La gamma consigliata è tra i 170×190 cm e i 210×190 cm.
  • Letto a una piazza – Se si dispone di un letto quadrato da una piazza, le dimensioni standard sono 100×190 cm. La gamma di dimensioni adatta è tra 90×190 cm e 110×190 cm.

In generale, il materasso dovrebbe essere almeno 10-15 cm più corto e più stretto rispetto al letto, per consentire di rimboccare le lenzuola. Un materasso troppo piccolo però sarà scomodo, quindi meglio orientarsi verso la parte alta delle gamme consigliate.

Tipi di materasso

I principali tipi di materasso tra cui scegliere sono:

  • Materassi a molle: Sono i più comuni e tradizionali. Hanno un supporto interno di molle che possono essere a molle insacchettate individualmente, molle legate tra loro o molle interconnesse. Offrono generalmente un buon sostegno, soprattutto quelli a molle insacchettate singolarmente.
  • Materassi in memory foam: Sono realizzati in schiuma viscoelastica che si adatta alla forma del corpo distribuendo uniformemente il peso e il calore. Ottimi per chi soffre di dolori articolari, anche se tendono a surriscaldarsi.
  • Materassi in lattice: Realizzati in lattice naturale, sono traspiranti, duraturi ed ecologici. Offrono un ottimo sostegno ergonomico adattandosi alla forma del corpo.
  • Materassi in gel: Contengono uno strato interno di gel per una sensazione di freschezza. Si adattano efficacemente alla struttura fisica.
  • Materassi ibridi: Combinano più materiali come molle e memory foam o lattice e gel per unire i benefici di ognuno. Ad esempio maggiore traspirabilità e sostegno.

È importante provare i diversi tipi di materasso per capire quale si adatta meglio alle proprie caratteristiche ed esigenze. Bisogna valutare rigidità, capacità di sostegno nelle varie posizioni e traspirabilità.

Durezza del materasso

La durezza del materasso è un fattore importante da considerare per garantire un sonno confortevole. I materassi sono classificati in diversi livelli di durezza, indicati con vari termini come morbido, medio, rigido.

I materassi morbidi sono adatti per chi dorme soprattutto sul fianco. Questi modelli si adattano maggiormente al corpo, soprattutto nella zona delle spalle e dei fianchi. Tuttavia se si è di corporatura robusta, un materasso troppo morbido potrebbe far affondare troppo il corpo.

I materassi di durezza media offrono un buon equilibrio tra sostegno e comfort. Sono adatti per la maggior parte delle persone e per chi dorme in più posizioni durante la notte. Le persone di corporatura media trovano in questi materassi un sostegno adeguato in ogni posizione.

I materassi rigidi garantiscono un sostegno maggiore, adatto soprattutto per chi dorme sulla schiena. Le persone di corporatura robusta o con problemi alla schiena traggono beneficio da questa opzione più rigida che mantiene il corpo allineato. Tuttavia per chi dorme sul fianco potrebbe risultare troppo duro.

Per scegliere il livello di durezza ottimale, si consiglia di provare i materassi stendendosi nella posizione abituale di sonno per alcuni minuti. La scelta migliore cade su quello che offre sostegno e comfort ideali senza punti di pressione. Un materasso troppo rigido o troppo morbido nel tempo può causare dolore e rigidità.

Posizione di sonno

La posizione in cui si dorme di solito influenza il tipo di materasso ideale da scegliere. Ecco alcuni consigli per trovare il materasso migliore in base alla propria posizione di sonno abituale:

Dormire supini

Se si dorme abitualmente sulla schiena, è bene scegliere un materasso di media rigidità che fornisca un buon sostegno alla colonna vertebrale senza essere troppo rigido. I materassi in memoria di forma si adattano bene alla forma del corpo di chi dorme supino.

Dormire su un fianco

Per chi dorme prevalentemente su un fianco, è consigliabile scegliere un materasso morbido o medio-morbido, che permetta alle spalle e alle anche di affondare nel materasso senza creare punti di pressione. I materassi in lattice o con molle insacchettate sono indicati per questa posizione.

Dormire a pancia in giù

Se si dorme a pancia in giù, è meglio optare per un materasso rigido o medio-rigido che fornisca sostegno alla zona lombare. I materassi in lattice o molle insacchettate sono sconsigliati, mentre quelli in memory foam si adattano bene anche a questa posizione.

Dormire misto

Per chi cambia spesso posizione durante la notte, il consiglio è scegliere un materasso intermedio, né troppo rigido né troppo morbido, possibilmente in memory foam, che si adatti alle diverse posizioni assunte.

Peso e corporatura

La scelta del materasso dipende molto anche dal proprio peso e dalla corporatura. Chi è robusto o in sovrappeso dovrebbe orientarsi su un materasso più rigido e con una lastra ad alta densità, in grado di sostenere adeguatamente il corpo senza creare zone di compressione eccessiva.

Al contrario, chi è longilineo e leggero può optare per materassi più morbidi e confortevoli, che si adattino meglio alla conformazione del corpo. In questi casi è preferibile evitare i materassi con rigidità eccessiva, che potrebbero risultare troppo duri e scomodi.

In sintesi, ecco alcuni suggerimenti per scegliere il materasso in base a peso e corporatura:

  • Sovrappeso/Robusti: materasso rigido o molto rigido, lastra ad alta densità
  • Normopeso: materasso medio-rigido o medio-morbido
  • Longilinei/Leggeri: materasso morbido o molto morbido, lastra a bassa densità

Provare il materasso prima dell’acquisto è fondamentale per verificare che sostenga correttamente il corpo nelle varie posizioni, senza creare punti di pressione. La scelta giusta consente di dormire al meglio e di avere un buon riposo notturno.

Allergie e condizioni mediche

Scegliere il materasso giusto è particolarmente importante per chi soffre di allergie o problemi alla schiena e al collo.

  • Per chi è allergico agli acari della polvere, è consigliabile optare per materassi in lattice naturale o memory foam, che sono anti-acaro. Il lattice è anallergico e antibatterico.
  • Chi soffre di allergie alle piume dovrebbe evitare materassi con imbottitura in piume d’oca. Meglio scegliere imbottiture sintetiche o in lattice.
  • Chi ha problemi cervicali dovrebbe preferire materassi di media o alta rigidità che garantiscano sostegno alla colonna vertebrale. Le molle insacchettate sono una buona scelta.
  • Per chi soffre di lombalgia, sono indicati materassi rigidi in memory foam, oppure a molle che distribuiscano uniformemente la pressione.
  • I materassi in lattice naturale sono consigliati sia per la cervicale che per la lombalgia, grazie alla loro struttura ergonomica.
  • Prima di acquistare un materasso, chi ha problemi medici farebbe bene a consultare un esperto per trovare il modello più adatto.

Budget

Quando si sceglie un materasso, il budget è un fattore importante da considerare. Ecco alcuni consigli per trovare il materasso giusto in base alla propria disponibilità economica:

Budget limitato – Se il budget è ridotto, si possono trovare materassi economici in memory foam a partire da 150-200 euro per una piazza singola. Questi materassi entry-level sono una valida soluzione temporanea. Meglio evitare i materassi troppo economici (sotto i 100 euro) che possono risultare scomodi.

Fascia media – Con un budget di 300-500 euro si possono acquistare materassi in memory foam o molle insacchettate di buona qualità, adatti per un utilizzo regolare e duraturo. Questa fascia di prezzo offre un ottimo rapporto qualità/prezzo.

Fascia alta – Oltre i 700-1000 euro si entra nella categoria dei materassi top di gamma, con molle insacchettate indipendenti, memory foam di alta densità, lattice, e altri materiali innovativi. Ideali per chi può permetterseli e cerca il massimo comfort.

Promozioni – Periodicamente vengono offerti materassi di fascia media e alta in promozione a prezzi scontati. Conviene approfittarne per fare un acquisto di livello a un costo accessibile.

In sintesi, valutare attentamente budget e necessità per scegliere la soluzione più adatta. Non sempre un materasso costoso è sinonimo di maggiore comfort.

Prova del materasso

È importante provare un materasso prima dell’acquisto per assicurarsi che sia comodo e adatto alle proprie esigenze. Quando si prova un materasso, bisogna sdraiarsi nella posizione abituale di sonno per almeno 10-15 minuti. In questo modo è possibile capire se il materasso è troppo rigido, troppo morbido o se crea punti di pressione.

Bisogna anche considerare che un materasso nuovo potrebbe sentirsi diverso da uno usato, quindi è meglio provarlo nelle stesse condizioni di utilizzo. Ad esempio, se si dorme in coppia, entrambi dovrebbero sdraiarsi sul materasso contemporaneamente per vedere se è abbastanza grande e confortevole.

Provare più materassi con caratteristiche diverse in termini di materiali, spessore e durezza aiuta a capire quale si adatta meglio al proprio corpo e stile di sonno. Non bisogna aver fretta nella scelta e provare tutti i materassi candidati per qualche minuto.

Dopo la prova, valutare se ci si sente rilassati e sostenuti nelle zone giuste. Se un materasso causa dolore, rigidità o scomodità, probabilmente non è adatto. La prova personale è fondamentale per evitare di acquistare un materasso scomodo di cui ci si potrebbe pentire.

Manutenzione

La manutenzione regolare del materasso è fondamentale per garantire un sonno di qualità nel tempo. Ecco alcuni consigli per prendersi cura correttamente del proprio materasso:

Ruotare il materasso – I materassi andrebbero ruotati ogni 3-6 mesi, in modo da distribuire uniformemente l’usura e prolungarne la vita. Basta ruotarlo di 180 gradi, facendo scambiare testa e piedi.

Usare un coprimaterasso – Un buon coprimaterasso protegge il materasso da macchie, usura e accumulo di umidità. Va cambiato ogni 6-12 mesi e lavato regolarmente.

Arieggiare frequentemente – Un ambiente umido e poco ventilato favorisce la formazione di acari. Arieggiare la camera da letto ogni giorno per 10-15 minuti.

Pulire periodicamente – Aspirare delicatamente il materasso ogni 2-3 mesi per rimuovere polvere e particelle. Non bagnarlo mai completamente.

Non saltare sul materasso – Evitare di saltare o tuffarsi sul materasso, perché potrebbe danneggiare le molle e il rivestimento.

Non piegarlo – Non piegare o arrotolare il materasso per trasportarlo o riporlo, si potrebbero rovinare le molle.

Non esporlo al sole – L’esposizione diretta alla luce del sole può danneggiare o scolorire il rivestimento del materasso.

Sostituirlo ogni 8-10 anni – In media la vita di un materasso è tra gli 8 e i 10 anni. Trascorso questo periodo, è consigliabile cambiarlo per riposare al meglio.” “1. Come scegliere il materasso giusto per dormire sonni tranquilli